Primi passi per gestire la pagina Facebook del tuo Pet Store

Se sei alla ricerca di suggerimenti su come gestire al meglio la pagina Facebook del tuo negozio per animali allora sei nel posto giusto. Questo articolo vuole darti qualche consiglio su come meglio promuovere il tuo Pet Shop attraverso una pagina Facebook. Non ho l’ambizione di offrirti una guida miracolosa e sicuramente ho affrontato una singola porzione dei tanti argomenti che si possono affrontare (diciamocelo, si potrebbe scrivere un intero libro solo riguardo i post di FB :), ma sono sicura che potrai affrontare qui tutti gli elementi principali che spesso vengono ignorati o presi sotto gamba.

L’obiettivo dei più è creare una pagina con le informazioni di base, scrivere qualcosa sugli animali o sui prodotti che vendi, pubblicare un paio di foto ed aspettare un afflusso di persone nel Pet Shop.

Sembra semplice, no?

Purtroppo non lo è. Se ti butti nella mischia con la grande quantità di pagine, gruppi e profili Facebook senza nessuna preparazione e nessun piano, corri il rischio di sprecare molto tempo senza ottenere risultati apprezzabili.

Spiega chi sei e differenziati

Può sembrare scontato scriverlo ma dovrai inserire sulla tua pagina tutte le informazioni riguardanti il tuo Pet Shop. È importante far emergere il numero di telefono, l’indirizzo, il sito web, l’orario di apertuta, i servizi che offri, i prodotti di cui disponi, gli eventi in programma e le promozioni. Soprattutto è fondamentale inserire all’interno della casella “about” alcune informazioni per convincere le persone, con poche parole, a scegliere proprio te tra tutti gli altri negozi della zona.

Contenuto: cosa e come.

Ora hai una pagina completa e pronta per essere utilizzata. Un nuovo dubbio sorge spontaneamente: quali contenuti posto e soprattutto come li comunico? Ricordati che Facebook è in primo luogo un social, quindi è governato da regole peculiari ed ha esigenze specifiche. Di seguito trovi i requisiti per i post: puoi farti una checklist e verifcarla prima di pubblicare i tuoi contenuti.

Breve: I post di Facebook hanno un limite di 63,206 caratteri, approssivamente 70 pagine di un documento word. Per quanto possa sembrare utile questa libertà di spazio, scrivere post infinitamente lunghi è una tattica di comunicazione da evitare. Quando scrivi, mettiti nei panni di un utente che si vede sulla homepage un post lunghissimo di cui non scorge nemmeno la fine: il rischio è che lo spaventi. Nessuno è disposto a dedicare sui social troppo tempo per una lettura, per quanto essa possa essere interessante. La lunghezza ottimale per un post è di una o due righe al massimo. Cattura l’attenzione del lettore, non annoiarlo a morte.

Informazioni interessanti: Condividere informazioni che sono rilevanti per i tuoi utenti è un must. Se hai un negozio per animali e lo vuoi promuovere non puoi non condividere le notizie che riguardano la tua attività. Il pubblico è sulla tua pagina solo per sapere di animali, del tuo Pet Shop e nient’altro. Se ti trovi in difficoltà, per esempio, puoi condividere i nuovi arrivi nel negozio, le promozioni sui prodotti, le notizie sugli eventi per animali nella tua zona, i servizi originali che il tuo negozio offre e tanto altro. Insomma devi cercare di pubblicare contenuti che siano rilevanti per i tuoi clienti e potenziali clienti.

Interazioni: Questa è una delle parti fondamentali dell’amministrazione di una pagina Facebook. Lo scopo di ogni attività “social” è quello di innescare l’interazione con gli utenti. A differenza degli strumenti di comunicazione tradizionali, sui socialnetwork l’interazione è cruciale. Porre domande e rispondere a quelle degli altri utenti è fondamentale. Questo incoraggia non solo l'interazione con i tuoi possibili clienti, aumentando la fiducia nei tuoi confronti, ma favorisce anche la tua reputazione. In questo modo rendi possibile ricevere feedback significativi per migliorare il tuo servizio. Un buon argomento da affrontare con i tuoi clienti, per esempio, è quello che riguarda i loro amici pelosi. Ricordati sempre che un amante degli animali adora “dare voce” al suo fido animale.

Tono: L’errore grossolano che devi necessariamente evitare è quello di rivolgerti agli utenti con un tono molto professionale. È invece consigliato un tono amichevole, che ti consenta di stabilire un’intesa con i tuoi clienti. Ricordati che le persone cercano qualcuno che li metta a proprio agio e sia facile da avvicinare.

Immagine: Qual è il metodo migliore di attirare l’attenzione di qualcuno se non visivamente? Non sottovalutare mai l’importanza di un’immagine accompagnata al post. Ovviamente questa, però, deve essere portatrice dello stesso messaggio del post. Supponiamo che tu voglia promuovere il nuovo cibo per i gatti che ti è appena arrivato: puoi condividere ad esempio l’immagine della marca insieme al post oppure puoi condividere l’immagine del gatto al quale è indirizzato. Lo strumento “immagine” è potente anche per i tuoi clienti: chiedi loro di condividere le foto che li ritraggono con i tuoi prodotti, permetti a loro di interagire.

Video: Creare dei video richiede un certo impegno. Video accurati richiedono molto tempo di elaborazione, ma proprio per questo motivo sono meno frequenti su Facebook e, quindi, di maggior impatto. Creare un video informativo ben strutturato può aumentare notevolmente l’afflusso delle persone sulla tua pagina.

Hashtags: Questi sono molto utili per aumentare il numero di persone che visualizzeranno il tuo post. Ovviamente, se usati, servono hashtags inerenti al tuo settore. Supponiamo che tu abbia appena scritto un post su una promozione nel tuo negozio, gli hashtag per promuovere questo post potrebbero essere #nomeDelTuoNegozio #saldi #NomeDelProdottoInSaldo #prodottiAnimali #petShop.

Post: quanti e quando.

Lo strumento principale che ti permette di capire come gestire al meglio i tuoi post è lo strumento di  Insights. È bene imparare ad usarlo al meglio perché ti offre dati quantitativi che possono essere di grande aiuto. FB Insights ti fornisce il report dei seguenti dati: il numero di persone raggiunte dai post ed il numero di quelle che hanno interagito, il numero di persone che hanno chiamato la tua azienda dalla Pagina, il numero di risposte ai clienti e il tuo tempo di risposta medio e il numero di persone che si sono “registrate” (ovvero hanno affermato di trovarsi presso i tuoi locali) nei loro post.

Poco, ma spesso e con costanza: L’errore principale che viene fatto da coloro i quali si cimentano per le prime volte con FB è quello di postare subito tutte le notizie a disposizione per poi dimenticarsi della pagina per una settimane. Se desideri avviare una relazione con i tuoi clienti (e clienti potenziali) ti serve costanza, se non vuoi cadere nell’oblio. La perseveranza diventa importante se accostata all’utilità. Allora ricorda che il tuo scopo è quello di arrichire i tuoi interlocutori fornendo contenuti di qualità. Lo spam è del tutto da evitare.
Secondo studi consolidati, il numero ottimale di post da pubblicare quotidianamente è uno. Nel caso questo non fosse possibile, il criterio della costanza rimane quello da privilegiare.

All’ora giusta: Da Insights puoi controllare l’orario in cui vi è un maggior afflusso di utenti attivi. Programmare la pubblicazione dei post (opportunità cui FB ti dà accesso) permette di coprire un maggior numero di utenti possibili. Pur cambiando in ragione della realtà, puoi immaginare l’orario migliore per il post tra le 13 e le 16.

Call-to-action

Ogni pagina Facebook permette di creare un “bottone” (che in gergo tecnico si dice Call To Action, abbreviato CTA) il quale permette all’utente di compiere una certa azione. Le azioni possibili sono: contattato (tramite Messenger, email, telefono o sito Web), acquisto o prenotazione di un servizio. Se sai di essere troppo occupato durante il giorno per rispondere a ogni dubbio dei tuoi clienti online ti consiglio di aggiungere il pulsante “chiamata”. In questo modo si può esortare gli utenti a chiamare direttamente verificando così se il tuo negozio dispone di ciò di cui hanno bisogno.

Promozione pagata

È data la possibilità a tutti gli utenti, di pubblicizzare i contenuti pubblicati su FB destinando un budget economico. Questo non significa che devi per forza pagare per promuovere i tuoi post (anche se affrontare queesta spesa ti permette di ottenere maggior visibilità a paarità di tempo). La promozione dei post permette di dare maggiore risalto ai tuoi contenuti, raggiungendo un pubblico maggiore. L’aspetto importante è quello di decidere verso chi destinare la promozione: puoi scegliere tra le persone che hanno già interagito con la tua pagina (o con altri contenuti) oppure tra le persone scelte mediante la targetizzazione (ovvero coloro che risultranno in seguito alla selezione in base a posizione geografica, età, sesso ed interessi).

Facciamo un esempio. Supponiamo che il tuo negozio sia a Milano e tu voglia sponsorizzare l’arrivo della nuova macchina Techla, per l’incisione istantanea di medagliette per animali.

Cosa fai?

Come prima cosa prepara il post promozionale: il testo, massimo due-tre righe, e un’immagine che può essere quella della macchina che hai acquistato oppure di una medaglietta già incisa (puoi anche preparare un breve video dell’incisione fatta per un cliente presso il tuo punto vendita).

In seguito dovrai scegliere a quale pubblico promuovere l’annuncio. Se sei di Milano selezionerai la città stessa come area geografica del tuo pubblico di riferimento. Potresti avere la tentazione di includere anche i dintorni o l’intero Paese (certo, raggiungeresti un pubblico più ampio) ma questa non è la miglior strategia se possiedi un negozio fisico dal momento che poche persone fuori Milano troverebbero utile il tuo annuncio se devono percorrere lunghe distanze per venire da te. Rischi di sprecare solo soldi inutilmente.

Per quanto riguarda invece gli interessi del tuo target ti conviene includerli sempre in modo tale da garantire che il tuo annuncio sia visibile solo alle persone davvero interessate. Potresti usare questi interessi: proprietari di animali domestici, animali domestici, amanti dei gatti, amanti dei cani, negozio animali, proprietari di cani, proprietari di gatti, prodotti per animali, prodotti per cani, prodotti per gatti.

Ed ora?

Quanto affrontato in questo articolo è solo la punta dell’iceberg. Il prossimo passo tocca a te. Il mio consiglio è quello di sperimentare quanto più possibile. Prova ad esempio differenti tipi di post ed osserva quello che risponde meglio alla tua situazione. Varia tra i post di testo, di immagini, di video e di link esterni in modo tale da sollecitare quanto possibile i differenti tipi di utenti.

Se ti sei già cimentato con la promozione del tuo negozio su Facebook, lasciaci il tuo commento e condividi la tua esperienza :)

 

Deja tu comentario