Pitbull

Pitbull terrier significa "Bull terrier dell’arena", in quanto nella Gran Bretagna del XVIII e XIX secolo era l'attore del palcoscenico in cui si svolgevano i sanguinosi combattimenti tra cani e tra tori e cani. L’American Pitbull terrier, deriva poi dalla riselezione americana della razza selezionata in Gran Bretagna nel corso dell'800 ed è riconosciuta come tale solo dalla federazione inglese UKC e dalla ADBA che oltre tutto hanno standard diversi tra loro. In Italia, invece, la FCI e l'ENCI non hanno inserito il Pitbull tra l’elenco delle razze.

Il Pitbull è un cane di taglia media, molto forte, dalla muscolatura compatta e dal portamento molto fiero, agile e veloce. Il pelo può essere di diversi colori ma sempre molto compatto, ruvido e corto.

I cani di questa razza allevati in ambienti emotivamente stabili ed affettuosi hanno la possibilità di sviluppare il loro vero carattere dolce e amorevole. Ovviamente se il Pitbull si trova invece a dover vivere in un ambiente violento sarà sicuramente più incline a manifestare le sue origini, sviluppando quindi una certa aggressività. Il Pitbull è in realtà un cane coraggioso, fedele al proprietario che se ben educato fin da cucciolo, nell’ambiente adatto a lui e seguendo le sue esigenze, si presta anche ad essere un cane di famiglia, perfetto per i bambini. A discapito della sua fama, è addirittura utilizzato nella Pet Therapy con persone affette da autismo (soprattutto negli Stati Uniti).

E’ una razza di cani che regge molto bene lo stress fisico e mentale, molto intelligente ma un po' testardo.

 

Curiosità sul Pitbull

  • Un falso mito comune che si può sentire ma assurdo è quello che il Pitbull ha una mandibola che si blocca quando morde. Non esiste nessun meccanismo anatomico e fisiologico che nel Pitbull determini questo. Il morso di un Pitbull è uguale a quello degli altri cani.
  • Il Pitbull si dice abbia un carattere imprevedibile e che possa attaccare in ogni momento senza preavviso, sia sconosciuti che persone che conosce. Tutto questo è falso e dimostrato da test realmente effettuati in America sulla razza.
  • L’altra falsa leggenda che riguarda il Pitbull, racconta che il loro cervello sarebbe in grado di crescere a dismisura determinando a un certo punto la pazzia e l’aggressività del soggetto; falsa teoria ovviamente che era già stata attribuita al Doberman.   

 

Le nostre medagliette dedicate al Pitbull

X